Mokato Caffè

Le nostre news

Il Cappuccino perfetto

il cappuccino perfetto con la C maiuscola

il cappuccino può determinare le sorti di un bar…ecco come…

     Brioche e cappuccino rappresentano la colazione ideale di moltissime persone. Nel bar questi vengono serviti di qualità scadente, molti sceglieranno tra chi li offre di qualità, anche se solo leggermente, più alta, limitando gli incassi derivanti da questo importantissimo pasto.

   Se poi aggiungiamo il fatto che il cliente tende ad essere abitudinario e quindi scegliere lo stesso bar anche per le pause caffè, aperitivi, ed altro, si rischierà che, se quelle persone non entrano per la colazione,  non entreranno nemmeno per altre consumazioni.

Migliorare la qualità delle brioche è abbastanza facile, infatti se vengono acquistate, basterà cambiare fornitore fino a trovare quello che ci offre il prodotto migliore. Per il cappuccino perfetto il discorso è più complicato, ci vuole professionalità e capacità…

Il Cappuccino perfetto
Il Cappuccino perfetto

.. a questo scopo ci viene in aiuto la regola delle cinque “L” per cappuccino perfetto:

fermo restando che la qualità dell’ espresso è fondamentale, ecco cosa tener presente per una buona riuscita;

Latte:

Il più adatto è quello fresco , intero e magari di alta qualità, in alternativa quello che ha subito meno processi di lavorazione. Si tratta di un prodotto ad alto contenuto proteico e con un apporto di grassi che trasmetteranno maggior componenti organolettiche nella tazza.

Lattiera:

  Per la buona qualità della schiuma, è una componente molto importante. Deve avere una forma tronco conica e avere un beccuccio per permettere una buona versata.

Lancia:

ovvero l’erogatore di vapore. La pressione del vapore, la forma e l’ergonomìa sono dettagli da tenere in considerazione. La differenza la fa anche una lancia sempre pulita. In questo modo permette al vapore di entrare nel latte creando una microtessitura perfetta per cappuccini e latte art…La pressione consigliata…1 atm.

Lavorazione:

la consistenza della schiuma deve essere vellutata. I fattori che la determinano sono la densità, la tessitura fine e la fluidità, con una temperatura variabile che può arrivare anche a 60°c;

Latte art:

la capacità del barman di fare opere d’arte mescolando i due componenti. Dare sfogo alla sua creatività per regalare un’emozione a chi consumerà la cremosa bevanda.

     Se la temperatura del latte raggiunge i 13°C si innesca un processo che produce un enzima che distrugge le proteine del siero. Impedisce quindi al latte di montare e di immettere ed intrappolare aria;

Il Cappuccino perfetto
Il Cappuccino perfetto

come detto il latte deve essere freddo e appena estratto dal frigorifero, montato una volta sola nella sua lattiera. Quando il latte è montato a regola d’arte non serve battere sul banco la lattiera oppure aiutarsi col cucchiaino; quando bisogna ricorrere a una di queste due operazioni è perché il latte non è montato in modo uniforme e si è diviso in parte liquida e parte solida. Per un cappuccino perfetto ci vuole un latte amalgamato in modo uniforme;

     una buona montatura che comprende l’incorporamento del vapore fino a un massimo di 60°C. Questa è la fase più delicata, quella che darà la microtessitura desiderata, fatta un’emissione di vapore a vuoto, la lancia verrà immersa nella lattiera poco sotto il livello superiore del latte ed indirizzata verso una sua parete interna, il suo flusso deve essere costante e di media intensità, il bricco deve ondeggiare leggermente ma senza variare l’inclinazione con la lancia;

     far riposare il latte per un tempo di circa trenta secondi aiuterà la bevanda, per emulsione, ad ossigenarsi e ad amalgamarsi, con un movimento rotatorio, che può evvenire sulla superficie del bancone; 

     a completamento, con un abile gioco di polso, si versa il contenuto nella tazza da  150  o 180 ml a 40°C.    

è davvero facile assaggiare il nostro caffè

Contattaci
On line
Ti posso aiutare?
Ciao!
Posso aiutarti?