Mokato Caffè

Le nostre news

effetti benefici del caffè

Gli effetti benefici del Caffè

Gli effetti benefici del Caffè, eccone alcuni:

Migliora le capacità del cervello:

la caffeina stimola il sistema nervoso centrale e attiva il rilascio di dorenalina, aumenta il battito cardiaco e la pressione sanguigna. Le vie respiratorie e lo zucchero contenuto nel sangue aumentando l’energia. Potenzia le prestazioni cerebrali e aiuta chi è affetto da disturbi del sonno dal lavoro a turni.  Non bere caffè a stomaco vuoto, si otterrebbe l’effetto opposto.

Una tazzina di caffè può combattere un episodio di ipotensione

ovvero un momento in cui la pressione del sangue è molto bassa.

Rinforza il sistema immunitario:

la caffeina contenuta nel caffè, fonte che abbonda di sostanze nutritive e di sostanze chimiche e salutari, fa bene al sistema immunitario, contiene, inoltre, molti antiossidanti e composti fenolici. Il caffè istantaneo contiene meno nutrienti  ma più additivi chimici salutari, e anche il fegato, il cuore e il sistema ricettivo traggono benefici dalla sua assunzione.

Migliora la memoria:

gli stimolatori e i neuro mediatori ottenuti dal caffè non solo potenziano l’umore e aumentano la produttività, ma migliorano anche la memoria, naturalmente ha il suo effetto solo sulla memoria a breve termine, ma è da li che inizialmente vengono memorizzate tutte le informazioni per poi passare alla memoria a lungo termine. Quindi una pausa caffè e l’ideale per rinfrescare la mente e stimolare stati d’animo positivi. Inoltre è una bevanda gradevoli che aiuta a imparare e ricordare oltre che ad aumentare l’attenzione e la concentrazione.

Riduce lo stress:

il caffè ha un potere anti-stress perché rilascia serotonina e dopamina che attivano il buon umore, già solo il suo profumo ha effetto rilassante.

Allieva il mal di testa:

la caffeina può curare il mal di testa e l’emicrania, inoltre può migliorare del 40% gli effetti degli antidolorifici tradizionali.

Il caffè può aiutare a dimagrire:

tra gli effetti benefici del caffè, bere una tazzina sopprime momentaneamente l’appetito e stimola il consumo di calorie, seppur in minima quantità. Quando il livello di lectina è basso, il corpo umano inizia ad accumulare grasso, bere del buon caffè aumenta il livello di questo ormone facendo perdere peso, inoltre l’allenamento per chi beve periodicamente il caffè, diventa più fruttuoso. La caffeina del caffè dà quella spinta in più tanta al lavoro quanto in allenamento.

Gli effetti benefici del Caffè

Continua a leggere»
il cappuccino perfetto

Il Cappuccino perfetto

il cappuccino perfetto con la C maiuscola

il cappuccino può determinare le sorti di un bar…ecco come…

     Brioche e cappuccino rappresentano la colazione ideale di moltissime persone. Nel bar questi vengono serviti di qualità scadente, molti sceglieranno tra chi li offre di qualità, anche se solo leggermente, più alta, limitando gli incassi derivanti da questo importantissimo pasto.

   Se poi aggiungiamo il fatto che il cliente tende ad essere abitudinario e quindi scegliere lo stesso bar anche per le pause caffè, aperitivi, ed altro, si rischierà che, se quelle persone non entrano per la colazione,  non entreranno nemmeno per altre consumazioni.

Migliorare la qualità delle brioche è abbastanza facile, infatti se vengono acquistate, basterà cambiare fornitore fino a trovare quello che ci offre il prodotto migliore. Per il cappuccino perfetto il discorso è più complicato, ci vuole professionalità e capacità…

Il Cappuccino perfetto
Il Cappuccino perfetto

.. a questo scopo ci viene in aiuto la regola delle cinque “L” per cappuccino perfetto:

fermo restando che la qualità dell’ espresso è fondamentale, ecco cosa tener presente per una buona riuscita;

Latte:

Il più adatto è quello fresco , intero e magari di alta qualità, in alternativa quello che ha subito meno processi di lavorazione. Si tratta di un prodotto ad alto contenuto proteico e con un apporto di grassi che trasmetteranno maggior componenti organolettiche nella tazza.

Lattiera:

  Per la buona qualità della schiuma, è una componente molto importante. Deve avere una forma tronco conica e avere un beccuccio per permettere una buona versata.

Lancia:

ovvero l’erogatore di vapore. La pressione del vapore, la forma e l’ergonomìa sono dettagli da tenere in considerazione. La differenza la fa anche una lancia sempre pulita. In questo modo permette al vapore di entrare nel latte creando una microtessitura perfetta per cappuccini e latte art…La pressione consigliata…1 atm.

Lavorazione:

la consistenza della schiuma deve essere vellutata. I fattori che la determinano sono la densità, la tessitura fine e la fluidità, con una temperatura variabile che può arrivare anche a 60°c;

Latte art:

la capacità del barman di fare opere d’arte mescolando i due componenti. Dare sfogo alla sua creatività per regalare un’emozione a chi consumerà la cremosa bevanda.

     Se la temperatura del latte raggiunge i 13°C si innesca un processo che produce un enzima che distrugge le proteine del siero. Impedisce quindi al latte di montare e di immettere ed intrappolare aria;

Il Cappuccino perfetto
Il Cappuccino perfetto

come detto il latte deve essere freddo e appena estratto dal frigorifero, montato una volta sola nella sua lattiera. Quando il latte è montato a regola d’arte non serve battere sul banco la lattiera oppure aiutarsi col cucchiaino; quando bisogna ricorrere a una di queste due operazioni è perché il latte non è montato in modo uniforme e si è diviso in parte liquida e parte solida. Per un cappuccino perfetto ci vuole un latte amalgamato in modo uniforme;

     una buona montatura che comprende l’incorporamento del vapore fino a un massimo di 60°C. Questa è la fase più delicata, quella che darà la microtessitura desiderata, fatta un’emissione di vapore a vuoto, la lancia verrà immersa nella lattiera poco sotto il livello superiore del latte ed indirizzata verso una sua parete interna, il suo flusso deve essere costante e di media intensità, il bricco deve ondeggiare leggermente ma senza variare l’inclinazione con la lancia;

     far riposare il latte per un tempo di circa trenta secondi aiuterà la bevanda, per emulsione, ad ossigenarsi e ad amalgamarsi, con un movimento rotatorio, che può evvenire sulla superficie del bancone; 

     a completamento, con un abile gioco di polso, si versa il contenuto nella tazza da  150  o 180 ml a 40°C.    

Continua a leggere»
consigli per i baristi

Consigli per i baristi

Pochi, semplici, ma importantissimi consigli per i baristi possono fare la differenza. Esiste il barista che serve un espresso al banco e quello che offre il perfetto espresso che mette di buon umore chi lo beve;

per iniziare bisogna seguire la classica regola delle cinque M:

Consigli per i baristi
Consigli per i baristi

Miscela: è importantissima, deve essere di qualità. Nessun barista, anche il più preparato, farà il miracolo di estrarre un buon caffè da una miscela scarsa;

Macinatura; ossia quel processo che permetterà al barista di estrarre in 25 secondi 25 ml di caffè; che è il risultato che definisce il perfetto espresso, quindi saper regolare al meglio il macina caffè garantirà una buona riuscita;

Macchina: come prevedibile, è un altro tassello molto importante…le classiche a leva possono dare come risultato un espresso eccezionale;

 Mano dell’operatore: chi si trova al di la del banco deve avere le competenze necessarie a correggere eventuali imperfezioni del macinato; che dia il suo miglior risultato facendo i conti con molte variabili; queste competenze si acquisiscono seguendo corsi di formazione, fiere e con la propria esperienza fatta di anni di professione;

Manutenzione: ordinaria e straordinaria è alla base per la riuscita del caffè perfetto. Ogni sera si provvederà alla pulizia del filtro e del porta filtro, mentre con cadenze meno periodiche si farà una pulizia più approfondita. 

  • Inoltre servire il caffè in tazzine calde è importante, manterrà la temperatura dell’espresso che conserverà, così, il suo gusto corposo;
  • pulire il porta filtro (usando un buon pennello) ad ogni espresso, evita che residui di precedenti estrazioni diano alla scura bevanda un sapore di fumo o di bruciato;
  • assaggiare, nell’arco nella giornata, almeno tre o quattro volte il caffè, in modo da poter correggere tempestivamente i difetti del macinato;
  • servire l’espresso accompagnato da un bel sorriso sincero aiuterà ad aumentare la complicità con il cliente e a regalargli un attimo momento di relax.

Continua a leggere»
caffe perfetto con la moka

Il caffè perfetto con la moka

Non tutti sanno che è possibile gustarsi un caffè perfetto con la moka, cremoso e con la classica schiuma come quella del bar anche a casa…come?

Bastano, infatti, pochi e semplici accorgimenti e chiunque potrà godersi un’eccezionale tazza di caffè perfetto fatto con la propria classica macchinetta per il caffè (moka);

ecco come fare un caffè perfetto:

Il caffè perfetto con la moka
  • partendo dal presupposto che usare una buona miscela è la base per la buona riuscita del caffè; il primo consiglio è quello di tenere la macchinetta per il caffè sempre ben pulita;
  • ricordarsi di aggiungere acqua nella caldaia (la parte bassa della moka) fino e senza superare la valvola di sfiato posta sul lato;
  • la macinatura dei chicchi non deve essere fina, bensì abbastanza grossolana; 
  • non pressare assolutamente la polvere nel contenitore bucato, ma creare una “montagnella” che si schiaccerà contro il filtro; man mano che il contenitore si avviterà alla caldaia;
  • adesso è il momento di mettere la macchinetta sul fornello che deve essere basso (per bere un buon caffè ci vuole il suo tempo); così facendo all’uscita del caffè non si creeranno quelle famose bolle che schizzerebbero dappertutto, ma sgorgherà un fluido cremoso e corposo;
  • il coperchio deve tassativamente restare aperto, questo per impedire al vapore di ritornare verso il basso del contenitore e annullare la cremosità dell’estratto;
  • spegnare il fornello e abbassare il coperchio poco prima che il caffè abbia smesso di uscire.
  • E’ possibile aggiungere lo zucchero nel contenitore prima che il caffè inizi la sua fuoriuscita…
  • …a questo punto mescolare per far sciogliere lo zucchero e servire bollente il proprio caffè perfetto.

Continua a leggere»
caffe macinato

il caffè macinato

Il caffè macinato

il caffè macinato

Nel caffè in grani appena macinato si possono contare almeno ottocento sostanze aromatiche; purtroppo essendo sostanze delicate e volatili, se dalla macinatura all’estrazione del caffè si fa passare del tempo, si perdono buona parte di queste caratteristiche, e non le ritroveremo più nel nostro caffè; di conseguenza non potremo gustarci appieno tutte le fragranze aromatiche della bevanda;

     la migliore soluzione per conservarlo al meglio è in frigo, in un contenitore di vetro o metallo, evitare contenitori di cartone o tetra pak; questo perché contenendo, oltre alle sostanze aromatiche anche del grasso, quest’ultimo a temperatura ambiente (normale), si ossiderebbe dando al caffè un sapore di rancido una volta estratto.

Continua a leggere»

è davvero facile assaggiare il nostro caffè

Contattaci
On line
Ti posso aiutare?
Ciao!
Posso aiutarti?